Titoli di efficienza energetica

I certificati bianchi, anche noti come “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE), sono titoli negoziabili che certificano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia attraverso interventi e progetti di incremento di efficienza energetica.
Il sistema dei certificati bianchi è stato introdotto nella legislazione italiana dai decreti ministeriali del 20 luglio 2004 e s.m.i. e prevede che i distributori di energia elettrica e di gas naturale raggiungano annualmente determinati obiettivi quantitativi di risparmio di energia primaria, espressi in Tonnellate Equivalenti di Petrolio risparmiate (TEP).
Le aziende distributrici di energia elettrica e gas possono assolvere al proprio obbligo realizzando progetti di efficienza energetica che diano diritto ai certificati bianchi oppure acquistando i TEE da altri soggetti sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica organizzato dal GME.
Le unità di Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) possono accedere al sistema dei certificati bianchi secondo le condizioni e le procedure stabilite dal Decreto ministeriale 5 settembre 2011.
I TEE vengono rilasciati per 7 o 10 anni (a seconda della tipologia di progetto) e costituiscono un incentivo all’intervento di risparmio energetico che si somma al risparmio vero e proprio migliorando il pay-back dell’investimento.

Il quadro normativo nazionale in quest’ambito è stato recentemente modificato con la pubblicazione del DM 11 gennaio 2017, che definisce gli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico – crescenti nel tempo - per le imprese di distribuzione di energia elettrica e gas per gli anni dal 2017 al 2020 e stabilisce nuove modalità di presentazione dei progetti.

ALENS è in grado di fornire l’assi­stenza necessaria per l’attuazione di interventi di risparmio energetico e l’ottenimento di Titoli di Efficienza Energetica (TEE).

Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser