Bando per riduzione dei consumi energetici e installazione di impianti fotovoltaici

FINALITÀ
Il bando è finalizzato all’efficientamento energetico degli impianti produttivi delle Piccole e Medie Imprese e alla copertura, totale o parziale, del fabbisogno energetico delle loro sedi produttive mediante impianti fotovoltaici da destinare alla produzione energetica per il solo autoconsumo. Gli obiettivi sono pertanto articolati in due distinte linee:
Linea 1: interventi che consentano di migliorare la prestazione energetica degli impianti produttivi;
Linea 2: installazione di impianti fotovoltaici per l’autoconsumo sulle coperture delle sedi produttive e delle strutture di relativa pertinenza, con possibile integrazione di impianti di accumulo monodirezionali.

DOTAZIONE FINANZIARIA 10.000.000,00 €

SOGGETTI BENEFICIARI
Il bando è rivolto alle Piccole e Medie imprese che abbiano i seguenti requisiti:
– partita IVA registrata nelle sezioni del codice ATECO B (Estrazione di minerali da cave e miniere) o C (Attività manifatturiere) come attività prevalente;
– essere regolarmente costituite da almeno tre anni ed iscritte nel Registro delle Imprese;
– siano titolari di diritto di proprietà o diverso diritto reale o di godimento, compresa la locazione di cui all’art 1571 del codice civile, rispetto alla sede produttiva e ai beni oggetto dell’investimento.

TIPOLOGIA ED ENTITÀ DELL’AGEVOLAZIONE
Si tratta di in un contributo a fondo perduto, nel rispetto dei massimali di seguito indicati:
Linea 1 e 2: 50% dei costi per consulenza, perizia tecnica asseverata, progettazione, direzione lavori e collaudo degli interventi, nel limite del 10 % del totale dei costi previsti;
Linea 1: 40% delle spese ammissibili per interventi di efficientamento energetico;
Linea 2: 30% delle spese ammissibili (con le limitazioni più avanti indicate) per installazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia da fonti rinnovabili, con possibile integrazione di sistemi di accumulo.
Per ciascuna linea, il contributo per gli investimenti non potrà superare l’importo massimo di € 400.000, al netto del contributo relativo alle spese per consulenza, perizia tecnica asseverata, progettazione, direzione lavori e collaudo degli interventi (nei limiti sopra indicati).
La medesima impresa potrà chiedere ed ottenere il contributo per ciascuna linea di intervento, con due distinte domande.
N.B. Per entrambe le linee, è necessario che l’impresa abbia realizzato la diagnosi energetica della sede produttiva per cui presenta la domanda di contributo di cui al presente bando non prima di 12 mesi dalla data di apertura del bando.

PROGETTI AMMISSIBILI
Linea 1: interventi di modifica, sostituzione o integrazione degli impianti che consentano di migliorare la prestazione energetica del sito produttivo dell’impresa, calcolato in base ai consumi (termici ed elettrici) della produzione degli ultimi 3 anni solari, desunti da una diagnosi energetica redatta in conformità alla norma UNI 16247, parte 1 e parte 3. La riduzione dell’indice di prestazione energetica (IPE) deve essere almeno del 7% e non deve includere la riduzione dei consumi relativi alla climatizzazione della sede produttiva, fatta salva la possibilità di sostituire il sistema di generazione del calore o del freddo mediante l’apporto di cascami termici derivanti dal processo produttivo o da impianti di co-trigenerazione, posti al servizio del processo produttivo.

Linea 2: installazione di impianti fotovoltaici, con potenza di picco fino a 1 MW, sulla copertura di una o più delle strutture della sede produttiva dell’impresa e delle strutture di relativa pertinenza, con possibile integrazione di sistemi di accumulo, finalizzati alla produzione e allo stoccaggio di energia elettrica per il fabbisogno dell’impresa. Nel caso in cui la sede produttiva dell’impresa sia soggetta all’obbligo di cui all’allegato 3 del decreto legislativo 28/2011 o al decreto regionale di attuazione del d.lgs. 192/2005 e s.m.i., può essere oggetto di contributo solo l’incremento di potenza dell’impianto fotovoltaico che eccede la quota obbligatoria, richiesta dalle suddette disposizioni.

SPESE AMMISSIBILI
Linea 1:
Contributo del 50%:
• servizi di consulenza, perizia tecnica asseverata, progettazione, direzione lavori e collaudo degli interventi, prestati da soggetti esterni all’impresa e nel limite del 10% del totale delle spese inserite in domanda; tali spese dovranno essere finalizzate esclusivamente alla realizzazione degli interventi oggetto di contributo;
Contributo del 40%:
• fornitura ed installazione dei dispositivi e degli impianti che complessivamente consentono di ridurre di almeno il 7% l’indice di prestazione energetica della sede produttiva dell’impresa;
• acquisto ed installazione sistemi di controllo e di monitoraggio dei consumi energetici degli impianti che sono oggetto dell’intervento di cui sopra;
• oneri per la sicurezza relativi all’installazione dell’impianto proposto.
Per la linea 1 l’investimento minimo deve essere pari a 80.000,00 euro, IVA esclusa

Linea 2:
Contributo del 50%:
• servizi di consulenza, perizia tecnica asseverata, progettazione, direzione lavori e collaudo dell’impianto fotovoltaico e dell’eventuale impianto per l’accumulo dell’energia prodotta da quest’ultimo. Tali servizi dovranno essere prestati da soggetti esterni all’impresa e saranno ammissibili nel limite del 10% del totale delle spese inserite in domanda; tali spese dovranno essere finalizzate esclusivamente alla realizzazione degli interventi oggetto di contributo;
Contributo del 30%:
• fornitura ed installazione degli impianti fotovoltaici; la relativa spesa sarà ritenuta ammissibile nei seguenti limiti:
– 2.000€/kW per impianti fino a 20 kW,
– 1.600€/kW per impianti fino a 100 kW
– 1.000€/kW per impianti con potenza superiore a 100 kW;
• sistema combinato di inverter con batterie;
• allacciamento alla rete dell’energia elettrica;
• oneri per la sicurezza relativi all’installazione dell’impianto proposto;
• eventuale impianto di accumulo

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
La domanda di partecipazione al bando deve essere presentata sulla piattaforma Bandi online, le domande potranno essere presentate in due distinte finestre temporali, distinte per ciascuna linea di intervento.
Linea 1
La prima finestra è aperta dalle ore 10:00 del 15.11.2021 fino alle ore 16:00 del 15.12.2021.
La seconda finestra è aperta dalle ore 10.00 del 03.01.2022 fino alle ore 16:00 del 31.01.2022.
Linea 2
La prima finestra è aperta dalle ore 10:00 del 18.10.2021 fino alle ore 16:00 del 29.10.2021.
La seconda finestra è aperta dalle ore 10.00 del 15.11.2021 fino alle ore 16:00 del 30.11.2021

TIPOLOGIA DI PROCEDURA E RENDICONTAZIONE
L’assegnazione del contributo avverrà sulla base di una graduatoria di merito e verrà erogato con le seguenti modalità:
a) Il 40% a seguito della presentazione della documentazione contrattuale e contabile che comprova l’assunzione delle spese principali relative all’intervento e di una polizza fideiussoria di importo pari al medesimo rateo del contributo;
b) Il 50% a seguito della presentazione, entro 15 mesi dall’ammissione al finanziamento, della rendicontazione dell’intervento realizzato, corredata dal collaudo e dalle spese sostenute, debitamente quietanzate;
c) 10% a seguito della presentazione della relazione di monitoraggio, svolto per un periodo di almeno 3 mesi dalla data del collaudo.

bando, efficientamento energetico, regione lombardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


ALENS s.r.l.
Sede Legale: Corso Cavour 44, 27100 PAVIA | PEC: pec@pec.alens.it  - tel: +39 0382 22837 | fax: +39 0382 22838 - PIVA e CF 02474810187


© Alens srl. All rights reserved. Powered by Esc Agency.